Viaggio India Lakshmana Temple khajuraho Viaggio India

Tempio di Lakshman: questo imponente tempio si trova di fronte alle mandra di Varaha e Devi. È uno dei tre maggiori templi di Khajuraho e del gruppo occidentale ed è considerato il più antico (circa il 954 d.C.) costruito dai sovrani di Chandella.
Il tempio si affaccia ad est ed è dedicato a Vishnu, con un nome piuttosto inappropriato di Lakshman, il fratello di Ram, l'eroe re del poema epico Ramayana. Il tempio è alto quanto è lungo, misura circa 25,9 metri in lunghezza. È sollevato su un'alta piattaforma che ha anche alcune sculture interessanti (processioni reali, scene di corte) che puoi vedere prima di salire le scale del tempio. Muovendosi sempre attorno a un tempio in senso orario (in pradakshina con la spalla destra più vicina al muro del tempio), la fascia di sculture si sviluppa come un rotolo di immagini senza fine. Lungo lo stretto passaggio del lato sud-est vi sono pannelli erotici di rituali sessuali: di un uomo impegnato in rapporti sessuali con un cavallo, un signore regale che viene sventolato da un assistente femminile e da altre scene di corte. C'è una vivace scena di musicisti, un bambino che balla davanti al re, un incidente di caccia in cui un cervo ferito viene pianto dal suo cerbiatto mentre il cacciatore si inginocchia con l'arco e la freccia, uno di un cacciatore a cavallo che insegue la sua sventurata preda. Il resto del pannello, mentre ondeggia attorno al Tempio di Lakshman, raffigura cavalli e cavalieri in berretto, elefanti in guerra e processioni di soldati.

Tempio di Lakshman KhajurahoIl tempio di Lakshman si erge come una montagna di pietra di ghiaia al centro, ed è unico nel khajuraho per i suoi quattro santuari sussidiari ai quattro angoli della sua piattaforma rettangolare. Ogni santuario Subsidairy ha un piccolo portico, una banda di scultpure lungo le pareti esterior. Una volta ottenuto, devi camminare in pradakshina attorno al Tempio di Lakshman per vedere l'abbondanza di capolavori scultorei sulle sue pareti esterne. Partendo dal lato sud vedrai che il muro del tempio esterno è diviso in diverse bande, il più basso, l'adhishthana, è la base del tempio. Il Tempio di Lakshan è l'unico con una fila di elefanti che sbucano dalla base come se portassero il peso dell'universo di pietra sulle loro spalle stabili. Tra gli elefanti ci sono i guerrieri che proteggono il tempio: sul lato nord un elefante ha abbandonato il suo dovere e guarda malinconicamente la coppia che fa l'amore. Sopra gli elefanti, l'adhishthana modellato ha motivi floreali e fogliari, un pannello stretto raffigurante la vita di corte e scene erotiche. Questa alta base del tempio è punteggiata da nicchie ornamentali, con un'adorabile figura di danza di Ganesh nella prima, seguita dalle immagini delle sette principali divinità maschili del Pantheon Indù e che termina sul lato nord con una splendida immagine della dea. Sopra l'adhishthana ci sono due fasce scultoree che si snodano attorno alle proiezioni e agli angoli del tempio. Si stima che ci siano oltre 230 sculture figurative su queste bande e ogni banda è alta circa un metro. Ci sono immagini dei dikhpalas collocati e rivolti verso le didascalie che proteggono. Una banda ha figure di Vishnu Rhile, un'altra ha quelle di Shiva. Accanto alle divinità ci sono le voluttuose figure femminili, ognuna impegnata in qualche attività mondana prima che realizzi la presenza del divino che la circonda. Queste figure, che hanno guadagnato la fama di Khajuraho, sono rappresentazioni squisite di donne vestite in modo tradizionale

costume, tessuti fini flinsy avvolti intorno alla vita mentre il busto e le braccia e il collo sono adornati solo in gioielleria. Ci sono donne che si stanno truccando, si tolgono i vestiti e fissano uno specchio. All'angolo occidentale, prima di girare a nord, è una donna sedutaria che le sfrega la schiena arcuata. Accanto a lei due donne con le spalle rivolte al pubblico che innaffia una pianta sacra, all'angolo c'è un'elegante giovane donna che ha alzato il piede, il cappello viene ispezionato da un inserviente che porta una borsa.

Le grandi sculture erotiche che adornano il corpo principale del tempio sono collocate, come in tutti gli altri templi di Khajuraho, sui lati sud e nord, tra i due balconi. Sul lato sud (visto anche dalla scala del Tempio Matangeshvar) il pannello superiore raffigura un dio barbuto, identificato come Agni; sotto c'è la figura dello sposo divino che cammina in processione accompagnato da musicisti. Belo, sul pannello inferiore è Shiva con il suo nodo superiore ancora sicuro, abbracciando la moglie Parvati e condividendo un bacio appassionato che dura da mille anni divini!

Il tempio ha un solo ingresso sul lato est, situato in cima alle scale. Il portico ha una graziosa ghirlanda di pietra o toran sopra l'entrata. Cementata lungo la parete del portico è l'iscrizione in pietra di Challdella trovata nelle vicinanze del tempio. L'iscrizione, scritta nel 954 d.C., riporta che Yashovarman, il settimo sovrano di Chandella, costruì un tempio a Vishnu e gli succedette suo figlio Dhangadeva. Si presume quindi che il Tempio di Lakshman sia stato costruito poco prima del 954 d.C.

Cosa da Vedere khajuraho

Il gruppo di monumenti di Khajuraho, patrimonio mondiale dell'UNESCO, attrae sia i ricercatori di spiritualità che gli amanti dell'archeologia tutto l'anno. Deve la sua popolarità ai suoi stupendi templi che mostrano alcune delle opere d'arte più raffinate del mondo.
Risalenti al 950 d.C. e al 1050 d.C. (durante il regno della dinastia Chandela), questi antichi monumenti e templi vennero alla luce a causa delle loro iscrizioni erotiche, insieme alla misteriosa aura che avvolge il luogo. Si ritiene che ci fossero circa 85 templi prima, ma solo 20 di loro sono sopravvissuti oggi. Questi magnifici templi raffigurano varie forme come la meditazione, la parentela, gli insegnamenti spirituali, la lotta e la regalità. Tuttavia, l'attenzione principale è sull'arte erotica.
La zona occidentale ha i monumenti più eminenti; questi sono templi di Kandariya, Lakshmana, Matangeshwara, Mahadeva Chitragupta. Tutti questi si trovano in prossimità del Museo Archeologico. La zona orientale è anche sede di alcuni templi importanti tra cui il Tempio di Parasvanath, il Tempio di Ghantai, il Tempio di Adinath, il Tempio di Hanuman, il Tempio di Brahma, il Tempio di Vamana e il Tempio di Javari. Il gruppo meridionale di templi comprende il Tempio di Dulhadev, il Tempio di Beejamandal e il Tempio di Chaturbhuj o Jatkari.