Viaggio India Parco nazionale di Bandhavgarh Viaggio India

Bandhavgarh è una riserva tigre di fama mondiale nello stato del Madhya Pradesh, nell'India centrale. Si è diffuso sulle catene montuose di Vindhya nell'India centrale, ben nota per la sua popolazione tribale e per i suoi tesori nascosti. La sua area si trova nella Divisione Foresta Umaria dello stato del Madhya Pradesh. Se controlliamo la mappa turistica del Madhya Pradesh, la troveremo nella regione orientale dello stato. Essendo un progetto Tiger Reserve, l'area forestale di Bandhavgarh è divisa in zona Core-Buffer dove la sua area centrale dichiarata è 452,66 kmq. È stato incluso in Project Tiger Network nell'anno 1993 e molto presto ha guadagnato pubblicità come Riserva Tiger con la più alta densità di Tigri in India. Questa regione era stata precedentemente governata dai sovrani di Kalchuri e in seguito acquistata dai sovrani di Baghel. Fino all'anno 1968 rimane una riserva di caccia privata dei sovrani di Baghela dal distretto di Rewa del Madhya Pradesh. È annoverato tra le riserve di tigri più apprezzate dell'India centrale dopo il Kanha National Park. Bandhavgarh è un parco nazionale talmente avvincente da avvistare la tigre che nessun itinerario di safari con la tigre può essere considerato completo senza includerlo nel programma del tour.

Più di 28 specie di mammiferi e 250 specie di uccelli e 70 specie di farfalle si trovano nel Bandhavgarh National Park. Il langur comune e il macaco Rhesus rappresentano il gruppo dei primati. I carnivori includono la tigre, il leopardo, lo sciacallo asiatico, l'orso della pigrizia, il ratto, la volpe del Bengala, la iena striata, il gatto della giungla. Gli artiodattili frequentemente avvistati sono cinghiale, cervo maculato, sambar, chausingha, nilgai (toro blu), chinkara. Occasionalmente si vedono mammiferi come Dhole, il piccolo Civet indiano, lo scoiattolo di palma e il ratto minore di Bandicoot. Si dice che la prima tigre bianca dell'India sia stata trovata nella zona di foresta di Bandhavgarh a causa della quale è anche chiamata la tigre bianca. Questi sono stati trovati nel vecchio stato di Rewa per molti anni. L'ultimo conosciuto fu catturato da Maharajah Martand Singh nel 1951. Questa White Tiger, Mohan, è ora imbottita e esposta nel palazzo dei Maharajah di Rewa. L'ultima tigre bianca conosciuta fu catturata da Maharajah Martand Singh nel 1951.

Storia
La Riserva delle Tigri di Bandhavgarh ha una grande connessione con antiche leggende e credenze e il nome ha anche antichi valori con il Ramayana, un'antica epopea di Treta Yuga, che può essere appresa dagli antichi libri di Narad Panch Ratra e Shiv Purana. La parola Bandhavgarh è una miscela di due parole: Bandhav e Garh dove "Bandhav" significa fratello e "Garh" significa Forte. Quindi il significato di Bandhavgarh è il fratello forte.
La presenza di un antico forte che porta lo stesso nome ha un valore equivalente per attrarre molti archeologi e amanti del patrimonio in mezzo all'area incontaminata della giungla. Si dice che Lord Rama abbia donato questo forte al suo fratello minore Lakshmana dopo essere tornato da Lanka dopo aver ucciso Ravana sulla via per Ayodhya. Il forte di Bandhavgarh è sceneggiato con molte prove convincenti di attività umane e tecniche architettoniche e, curiosamente, la leggenda narra anche che il forte in rovina fu ricostruito dalle scimmie che costruirono un ponte tra Lanka e la terraferma. Il forte porta anche diverse grotte artificiali con iscrizioni e pitture rupestri.

Fauna selvatica a Bandhavgarh
La terra vanta di tremendi conteggi di diverse specie come lo sciacallo asiatico, la volpe del Bengala, l'orso della lingua, il ratto, l'ippopotamo, l'iena striata, il gatto della giungla, il leopardo, la tigre, i maiali selvatici, i cervi maculati, il sambar, il chausingha, il nilgai, il chinkara e il gaur, Dhole, il piccolo Civet indiano, lo scoiattolo di palma, il ratto minore di Bandicoot, Gaur, il langur comune e il macaco Rhesus.

Flora nella Riserva della Tigre di Bandhavgarh
Il fogliame trovato a Bandhavgarh è prevalentemente di tipo deciduo secco ed è l'unica regione abbastanza ricca di flora e fauna. L'area porta un clima relativamente moderato e, naturalmente, la topografia favorevole che sostiene in modo univoco la crescita di una flora ricca e varia nel parco.

Le varietà floreali più famose per rianimare i sensi nell'area di Bandhavgarh sono:
Saj (Terminalia tomentosa), Tendu, Arjun (Terminalia arjuna), Amla (Emblica officinalis), Dhaora (Anogeissus latifolia), Salai (Boswellia serrata), Palas (Butea monosperma), Mango (Mangifera indica), Babul (Accasia nilotica), Jamun (Blackberry) (Syzygium Cumini), Ber (Zizyphus mauritania), Banyan (Ficus benghalensis), Dhok (Anogeossis pendula), Dhak o Chila (fiamma della foresta) {Butea monosperma}, Jamun (Syzygium cumini), Kadam (Authocephalus cadamba), Khajur (Phoenix sylvestris), Khair (Accacia catechu), Lagerstroemia, Boswelia, Bamboo, Pterocarpus, Madhuca e altro ancora.

Attrazioni a Bandhavgarh

Forte di Bandhavgarh Forte di Bhavhavgarh - La gente dice che questo forte ha 2000 anni ed è stato sotto il controllo delle dinastie di Maghas per 20 secoli completi, ma la sua preistoria ha ancora il suo valore quando apprendiamo che la leggenda di Ramayana include anche questo antico forte. Si crede che il forte sia stato costruito da Lord Rama durante la sua breve permanenza nell'area (la giungla) di Bandhavgarh mentre tornava da Lanka. Quindi donò questo forte a suo fratello Lakshmana che prese il controllo di questo forte per osservare le attività di Lanka.
Il forte attira i turisti oggi con la presenza delle antiche rovine del forte e del vicino tempio.

Bandhavgarh Hill - questa è la collina più alta della riserva con un'altitudine di 807 me comprende circa 32 colline. Queste piccole colline insieme alla collina di Bandhavgarh formano un certo numero di pianure e valli basse. La collina di Bandhavgarh è formata da arenarie e la presenza di diversi torrenti e sorgenti è la fonte di acqua nella regione.

Punto di arrampicatori - il luogo più attraente nel Parco Nazionale di Bandhavgarh, il Punto di Climber offre una veduta aerea dell'intero parco che è fiorito con alberi di Sal e di bambù. Questo posto è anche circondato da alcune delle specie faunistiche come butea superba e bauhinia wahlii per un ambiente molto più denso.

Museo Baghel - il museo Baghel è composto da tutti gli oggetti personali del Maharaja di Rewa che viene mostrato ai visitatori per esplorare la vita reale e giungla di Bandhavgarh. Il museo vanta anche antiche attrezzature da caccia dai Maharaja insieme ad alcune delle attrezzature militari.

Cheshpur Waterfalls - questa è una cascata naturale nel fiume Johila, situata ad una distanza di 50 km da Bandhavgarh ed è anche una posizione ideale per i turisti per godersi un picnic qui.